Triathlon sprint di Ledro e Cernobbio

ivan/ luglio 27, 2016/ Gare/ 0 comments

Si è detto tante volte che il triathlon è uno sport per definizione complesso. E di conseguenza la preparazione per il triathlon è piena di complessità. Pensate alle numerose variabili che possono influenzare la vostra prestazione e poi pensate a quanto queste complessità possano difficilmente essere riproposte in allenamento.

Quando mi chiedo (o mi chiedono) perchè pur preparando gli Ironman continuo a gareggiare sugli sprint, che effettivamente sono un’altro sport rispetto ai primi, la risposta è sempre questa: bisogna prepararsi ad affrontare la complessità. In realtà poi vi spiego (o tento di farlo) che le risposte sono più di una.

ledroman-2016 (167)

Ledroman, si vede che non ero facile

Al triathlon sprint di Ledro ero stato invitato da più di un mese dagli organizzatori. Non conoscevo luogo e gara, ma ne avevo sentito parlare bene e l’amico Ale Degasperi, indisponibile per quella data, aveva consigliato a Max (uno degli organizzatori) di invitarmi al posto suo. Ho accettato volentieri il ruolo di “riserva” del Dega. L’invito era esteso ad Elena perchè la sera prima si è tenuto un incontro con ospiti, oltre a noi due, anche i colleghi Andrea Secchiero, Marco Corrà, l’ex prof di ciclismo Alessandro Bertolini e la illuminante Maria Grazia Davolio. Fabio D’Annunzio ha saputo giostrarsi tra momenti di simpatia a momenti molto seri e interessanti.

Dieci minuti prima del via un’acquazzone violento si è insinuato nella splendida Val di Ledro e ha pensato bene di inondare le strade che di li a poco avremmo percorso. Così la gara è un po’ cambiata. Non era prevista questa pioggia, avevo i tubolari un po’ troppo gonfi e ci è scappata una scivolata improvvisa durante la bici, ma nulla di grave, mi sono rialzato, ho finito la bici un po’ staccato dai primi e ho corso quanto potevo. Settimo alla fine. Va bene così. La condizione era quella di una settimana dopo l’Ironman Francoforte (di cui avevo scritto qui) e di qualche giorno di cazzeggio prima di ripartire per il prossimo, quello di Vichy del 28 agosto. E questa “sgasata” mi serviva per due motivi: fare un allenamento qualitativo difficilmente ripetibile fuori da un contesto gara e ritrovare voglia di fare fatica dopo un po’ di scarico mentale post Ironman.

Ledro è stato il punto di partenza per le prime due settimane di lavoro di preparazione al nuovo Ironman. Poi ci ho messo un altro sprint, domenica 24 a Cernobbio, strade (quasi) di casa, non si poteva mancare. Un’altra divertente e intensa prova affrontata in buona compagnia di tutti i ragazzi stranieri che “sostano” per l’estate in DDS a Settimo Milanese.

FullSizeRender (1)Una bella prova di team che ci ha permesso di conquistare le prime nove posizioni della classifica e a me il terzo posto, con una corsa decisamente sopra le mie aspettative. Il percorso run era impegnativo e viste le ore di allenamento del sabato (quasi 5 ore circa tra nuoto, bici e corsa) mi aspettavo di non essere molto brillante, invece ho corso benino.

Dicevo della complessità… le gare sprint ti riportano in una dimensione diversa, tutto più veloce e intenso. Mantengono l’abitudine a essere pronti a reagire immediatamente ad ogni evento della gara. Riportano la brillantezza nelle gambe,  dispersa nei lunghi e pesanti allenamenti da Ironman. Danno fiducia, perchè ti accorgi di essere ancora in grado di raggiungere velocità e intensità che pensi di aver lasciato per strada durante una di quelle uscite da 5 o 6 ore di bici (o da 2 ore di corsa). E sono un ottimo allenamento di qualità che difficilmente potresti ripetere seguendo una tabella.

Che poi… chi l’ha detto che per fare un Ironman devi fare solo tanto volume? Io no.

 

 

 

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>
*
*